La notte scorsa si è spento a Roma, ad 88 anni, Vittorio Taviani, maestro del cinema italiano.

Vittorio, insieme al fratello Paolo, iniziano la carriera cinematografica negli anni cinquanta, realizzando documentari a sfondo sociale. Il loro primo lungometraggio, “Un Uomo da Bruciare“, esce al cinema nel 1962 e vince il Premio della Critica a Venezia. Quattro anni dopo esce “Sovversivi“, seguito due anni dopo dal più noto “Sotto il Segno dello Scorpione“.

Negli anni settanta i due ricevono il Premio Interfilm a Berlino per San Michele aveva un Gallo” (1972), mentre, nel 1977 arriva la Palma d’Oro a Cannes per “Padre Padrone“. Nel 1986 i fratelli Taviani ricevono il Leone alla Carriera e nel 1988 realizzano “Good Morning, Babilonia“. Nel 2012 vincono l’Orso d’Oro a Berlino con “Cesare deve Morire“, nel 2014 esce “Maraviglioso Boccaccio” e, nel 2017 debutta nelle sale “Una Questione Privata“, il loro ultimo film.

LASCIA UN COMMENTO

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.