Vida

È stato annunciato ufficialmente che Vida, serie TV tratta dal racconto di Richard Villegas Jr., si concluderà ufficialmente con la terza stagione.

Ecco quanto dichiarato in merito da Tanya Saracho, creatrice, showrunner e regista dello show:

“Non sono stata in grado di scrivere questa lettera fino a questo momento: ogni volta che ci provo mi iniziano a sudare le mani, il mio cuore batte all’impazzata e mi viene la nausea. Mi ci sono voluti giorni. Perché non importa il modo in cui lo si affronta, questa è una lettera di addio.”

La Saracho ha inoltre aggiunto:

“Quando ho iniziato questo viaggio tre anni e mezzo fa, non avrei mai sognato che alla fine del processo sarei stata così totalmente cambiata – nella mente, nel corpo e nello spirito – che sarei stata così fortemente sicura delle mie capacità da gestire e creare uno show televisivo nel modo in cui avrebbe sempre dovuto essere creato: da noi. Quando ho iniziato questo percorso il panorama televisivo era cupo per quanto riguarda la rappresentazione delle comunità latinoamericane. Nel mondo della televisione c’erano poche storie su di noi ed erano bloccate negli stereotipi. E avevo sentito solo di una showrunner latina che aveva ottenuto la possibilità di occuparsi di una serie. E non c’era alcuna rappresentazione la comunità omosessuale non ‘bianca’. Ed è qui che iniziano i ringraziamenti: visto che avete sostenuto la nostra delicata e adorata piccola serie, ci è stato fatto il dono di tre meravigliosamente coinvolgenti e rivoluzionarie stagioni. Sinceramente, questo è il motivo per cui volevo scrivere personalmente questa lettera, per dire che quel sostegno ha voluto dire tutto. Ha significato due rinnovi e la conferma che valeva la pena raccontare questa storia. Non sarò mai in grado di ringraziarvi abbastanza per la vostra accoglienza e il vostro sostegno.”

La showrunner ha poi concluso:

“Mentirei se dicessi che non sono triste all’idea di non tornare a lavorare con gli incredibili autori per continuare a delineare la nostra storia. Ma dopo tutto, ho potuto raccontare esattamente la storia che volevo, nel modo in cui desideravo, ed è raro che accada in questo settore”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.