Allison Mack si è fatta conoscere e apprezzare soprattutto quando, in Smalville, vestiva i panni di Chloe Sullivan, amica di Clark Kent (Superman). Ma dietro l’apparenza si nasconde un’oscura realtà. Per l’attrice tale realtà è la setta NXIVM, che le è costata la libertà.

Allison Mack è stata arrestata lo scorso 21 aprile con l’accusa di gestire un vero e proprio traffico di schiave sessuali. Il rischio per la donna è di passare 15 anni in prigione.

Nonostante la Mack continui a dichiararsi innocente, le prove contro di lei sono numerose e testimoniano il suo coinvolgimento attivo all’interno della setta.

Secondo le indagini, la donna avrebbe introdotto giovani attrici nella setta NXIVM camuffandola come un’organizzazione con fini di sostegno e assistenza tramite seminari e corsi.

Di seguito uno dei video di propaganda proposti dalla setta:

Dopo avere reclutato le vittime, l’attrice le avrebbe sottoposte a diete estreme per soddisfare i gusti del capo della setta, Keith Raniere (arrestato a marzo in Messico e poi estradato negli USA). Secondo le testimonianze fornite alcune donne sarebbero state rinchiuse in grandi gabbie e costrette a introdurre 500 calorie al giorno.

Una volta pronte, le ragazze avrebbero dovuto appagare i desideri sessuali di Raniere e partecipare a riti di iniziazione che prevedevano di tatuare sul pube le iniziali del capo della setta.

Tutte le vittime partecipavano a seminari di migliaia di dollari che costavano loro l’accumulo di diversi debiti. L’unica via di scampo per le donne era lavorare per NXIVM e introdurre nella setta nuove reclute.

Allison Mack faceva parte di un sottoinsieme della setta, il DOS (Signori delle donne schiave). A capo del DOS c’era Raniere e subito dopo di lui Allison. L’attrice avrebbe percepito da questa crudele attività diversi benefici finanziari.

Allison Mack, al momento in carcere, attende il dibattito alla Corte Federale di Brooklyn il 23 aprile 2018.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.