Dopo l’annuncio che ha visto J. J. Abrams alla direzione del prossimo Star Wars: Episodio IX, la Paramount Pictures ha storto parecchio il naso. La casa di produzione, infatti, è uno di quei colossi che ultimamente se la passano peggio nel panorama hollywoodiano da circa un anno.

Qualche speranza era stata posta in Madre! il nuovo film diretto da Darren Aronofsky e con protagonista Jennifer Lawrence che, purtroppo, è stato accolto in maniera abbastanza fredda al Festival di Venezia.

Una delle ultime ancore rimaste alla Paramount era un contratto attivo dal 2006 proprio con J. J. Abrams, accordo che frutta al regista ben 10 milioni di dollari l’anno per la supervisione e lo sviluppo di lungometraggi. Già quando si era trattato di Star Wars: Il Risveglio della Forza, la casa produttrice aveva chiuso un occhio e permesso al filmmaker di prendere parte al progetto. Malgrado l’arrabbiatura del ex presidente della Paramount in merito, la Lucasfilm è tornata a bussare alle porte del regista subito dopo il divorzio con Colin Trevorrow.

Secondo The Hollywood Reporter, al fine di non incrinare i rapporti con Abrams e ancor di più con l’agenzia di gestione talent che lo segue, quella CAA (Creative Artists Agency), la Paramount Pictures farà valere le proprie ragioni con la Lucasfilm, accontentandosi però di quelli che nel panorama cinematografico vengono considerati dei bruscolini per noi comuni mortali. Il magazine parla scrive “the payment is said to be a one-time shot of less than seven figures”: ovvero l’assenza per almeno due anni di Abrams dagli affari dello studio verrà ripagata con una cifra inferiore ai dieci milioni di dollari, anche se una fonte interna alla major afferma che si tratta di numeri più alti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.