Eccoci tornati a parlare di un argomento molto trattato in questo periodo, basti pensare al caso “La Bella e la Bestia”. La stessa sorte, forse peggiore, ha dovuto subire anche il film sui Power Rangers che, in Russia, è stato vietato ai minori di 18 ani.

Si è arrivati a questa decisione per via di un personaggio che, all’interno della pellicola, pronuncia una frase sulla propria sessualità. A tal proposito, al network televisivo Tsargrad, si è espresso il politico Vitaly Milonov, criticando pesantemente il film e chiedendone la totale messa al bando su tutto il territorio nazionale:

“Se l’ideologia fascista è bandita dal nostro Paese, allora anche film come quello di Dean Israelite dovrebbero esserlo.”

Un altro esponente del legislativo, Alexei Zhuravlev, ha inoltre criticato la stessa possibilità che il film sia distribuito in Russia:

“Alcuni dirigenti del Ministero della Cultura non intendono osservare le leggi adottate dalla Duma [ramo del parlamento russo], come la legge che vieta ogni tipo di propaganda omosessuale rivolta ai minori.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.