Jean-Luc Godard

Si è spento, all’età di 91 anni, Jean-Luc Godard, uno dei registi più influenti di tutti i tempi, nonché uno dei più grandi esponenti della Nouvelle Vague.

Nato a Parigi nel 1930 da una famiglia di origine svizzera, Godard ha studiato alla Sorbona diplomandosi in Etnologia nel 1949. Nello stesso periodo aveva iniziato frequentare i numerosi cineclub nati dopo la guerra e aveva iniziato a scrivere di cinema su riviste tra cui poi il fondamentale Cahiers du Cinema di Bazin. Sul finire degli anni ’50 inizia anche a dirigere una serie di cortometraggi. Ma è grazie a un’idea dell’amico Truffaut che realizza il suo primo lungometraggio: Fino all’ultimo respiro. Il film diventa un vero e proprio manifesto della Novelle Vague e viene premiato a Berlino per la miglior regia, rendendo inoltre il protagonista Jean Paul Belmondo una vera star.

Negli anni sessanta dirige pellicole come Le Petit Soldad, La donna è donna, Il disprezzo, Bande à part, Agente Lemmy Caution: missione Alphaville, Il maschio e la femmina, Una storia americana, Due o tre cose che so di lei. Nel 2001 il suo Éloge de l’amour viene selezionato a Cannes, mentre nel 2010 esce Film Socialisme in occasione dell’Oscar onorario.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.