Brutte notizie in casa Warner Bros. e New Line Cinema: Gerard Brittle, l’autore di The Demonologist che tratta delle investigazioni paranormali di Ed e Lorraine Warren, ha fatto causa alle case produttrici per una somma pari a novecento milioni di dollari. Secondo lo scrittore, con L’evocazione – The Conjuring, The Conjuring – Il Caso Enfield e Annabelle, hanno violato i diritti esclusivi di produrre materiale basato sui casi dei due sedicenti detective.

Brittle sostiene che avesse stipulato con la Warner, nel lontano 1978, un accordo che gli avrebbe conferito i diritti di esclusiva sulla diffusione del materiale legato ai due coniugi. Come dichiarato dall’avvocato Patrick C. Henry II, che ha in carico la causa contro i produttori del film:

“È difficile sostenere che la Warner Bros, un conglomerato che ha a disposizione un esercito di avvocati specializzati in diritto della proprietà intellettuale, non abbia mai preso in considerazione The Demonologist e gli accordi legati al libro.”

Secondo lo scrittore, inoltre, la New Line avrebbe proibito agli sceneggiatori coinvolti nel franchise cinematografico di leggere The Demonologist, proprio perché lo studio non ne possedeva i diritti:

“Hanno costruito un franchise multimiliardario basato su dei diritti che sapevano di non possedere. Hanno semplicemente ignorato la questione e sono andati avanti come se niente fosse.”

Oltre la spropositata somma di denaro, Brittle sta portando avanti un’azione legale volta a fermare l’uscita al cinema di Annabelle 2 e di ogni altro film del franchise. Rimaniamo in attesa di ulteriori sviluppi.

LASCIA UN COMMENTO