In questi ultimi giorni i fretelli Duffer, creatori e showrunner della famosa serie di NetflixStranger Things, si sono ritrovato al centro di una pioggia di accuse in merito ad alcuni comportamenti sconveniente tenuti sul set.

Lo scorso 8 marzo, infatti, in occasione della festa della donna, il tecnico di produzione Peyton Brown, ha postato un messaggio sul proprio account Instagram nel quale dichiarava che non avrebbe partecipato alla produzione della terza stagione di Stranger Things a causa di alcuni abusi verbali da parte di “due persone in una posizione di potere” nei confronti delle donne.

I guess there’s no better day than #nationalwomensday to say #timesup and announce that I will not be a part of the filming of Season 3 of Stranger Things. Why, you ask? Because I stand with my sisters. I personally witnessed two men in high positions of power on that set seek out and verbally abuse multiple women. I promised myself that if I were ever in a situation to say something that I would. I have 11.5 thousand followers who can hear me say this, TIME IS UP. Women in the film industry are POWERFUL. We will rise and we will scream from mountain tops in support of each other and I will not contribute my time, efforts, and talent to such abusive people. There is too much going on in this world to be regressive. There are too many amazing and highly respected men in respective positions of power that I have had the utmost pleasure of working beside. Those are the people I want to surround myself with. Those are the projects I want to be a part of. This industry is no longer led by a “few good men,” but instead by an OCEAN of ASTOUNDING WOMEN. Enough is enough. For my sisters- Time is up. #timesup #theabusestopsnow #ontobiggerandbetter #standupforwhatsright #womenempowerment #ladygrip #sisterhood #iatsesisters #wewillbeheard #thispicsaysitall

A post shared by P (@peytonnbrown) on

Il post originale è stato cancellato per poi essere rimpiazzato da uno identico ma senza commenti allegati. Con il passare del tempo, Entertainment Tonight, grazie ad alcuni screener, ha dimostrato che Peyton Brown si riferiva proprio ai fratelli Duffer, descrivendo inoltre ciò che accadeva:

“C’erano delle urla, degli insulti, delle minacce e le persone venivano addirittura licenziate o costrette ad andarsene a causa loro.”

I due showrunner hanno poi avuto modo di replicare:

“Siamo profondamente sconvolti nell’apprendere che qualcuno si è sentito a disagio sul nostro set. A causa della natura molto stressante della produzione, a volte capita di lasciarsi andare alla rabbia, e per questo ci scusiamo. Tuttavia, riteniamo sia importante non fraintendere ciò che avviene sul nostro set. Noi crediamo fermamente nel principio secondo cui ogni persona va trattata in modo uguale, a prescindere dal genere, dall’orientamento, dall’etnia, dalla religione o da qualunque altra cosa. Rimaniamo del tutto impegnati a garantire un ambiente sicuro e collaborativo per tutti nelle nostre produzioni.”

Anche Netflix ha deciso di non starsene con le mani in mano e, dopo opportuni controlli, ha comunicato:

“Abbiamo approfondito le preoccupazioni che sono state sollevate nel momento in cui abbiamo appreso delle accuse giovedì, ma non abbiamo trovato alcun comportamento scorretto. Per noi è importante mantenere un’atmosfera sicura e rispettosa sul set, e sappiamo che lo è anche per i Duffer”.

LASCIA UN COMMENTO

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.