Qualche giorno fa, al New York Times, Uma Thurman ha raccontato, per la prima volta, le violenze sessuali subite da Harvey Weinstein.

Durante la lunga intervista, la nota attrice non si è limitata a parlare di quanto subito dal produttore, bensì ha deciso di accusare apertamente anche il regista Quentin Tarantino, colpevole di non aver fatto abbastanza per proteggerla da un incidente avvenuto sul set di Kill Bill quando venne costretta a guidare un’auto scassata su una strada dissestata finendo contro una palma e rimanendo ferita seriamente ferita.

Dopo aver approfondito la questione e ricevuto l’appoggio dell’amica e collega, Diane Kruger, ha deciso di prender parole, in merito all’incidente avuto dalla ThurmanKeith Adams, lo stunt coordinator della famosa pellicola (Kill Bill).

Ecco quanto dichiarato:

“Non c’erano stunt in programma per il giorno in cui si è verificato l’incidente di Ms. Thurman. Tutto il dipartimento degli stunt era in pausa in quell’occasione e nessuno di noi era stato chiamato sul set. Non sono mai stato consultato ne mai mi è stato notificato nulla circa il fatto che quel giorno Ms. Thurman avrebbe dovuto guidare una vettura per effettuare delle riprese. Se fossi stato coinvolto avrei insistito non solo per piazzare una guidatrice professionista dietro al volante, ma mi sarei anche assicurato circa le condizioni di sicurezza della macchina.”

Rivedendo il video dell’incidente, Andy Armstrong, veterano degli stunt, ha sottolineato quanto irresponsabile fosse la cosa:

“Poteva pure finire con una morte per decapitazione. La macchina si sarebbe potuta ribaltare o la macchina da presa sarebbe potuta sbalzare in avanti. Un livello di irresponsabilità gigantesco.”

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.