Tom Hardy, in questo periodo, continua a far parlare di sé. Durante la promozione del suo prossimo film Fonzo, l’attore ha voluto mettersi a nudo parlando dei propri ruoli da trasformista ed in particolare quello che lo ha visto tramutare in Al Capone.

“Non sarà il classico Al Capone che si associa per forza con un certo fisico. Non voglio rivelare troppi dettagli ma ci sarà sicuramente un qualche tipo di trasformazione. Non so se sarà drastica come quella compiuta con Bane. Probabilmente ho danneggiato troppo il mio corpo.”

L’attore, ripensando a tutte le diete sostenute per lavoro, è sembrato non poco preoccupato:

“Se continuerò a prendere peso cadrei come un castello di carte sottoposto a troppa pressione. Ritengo che si paghi un prezzo con ogni cambiamento fisico drastico. Andava bene quando ero più giovane ma sottopormi a quel tipo di pressione quando ho superato i quaranta anni obbliga a essere più attenti per quanto riguarda l’allenamento e il prendere peso. E poi non avrei abbastanza tempo per mantenermi in allenamento perché sarei impegnato nelle riprese, quindi il tuo corpo si muoverebbe in due direzioni diverse in contemporanea. E dopo aver concluso le riprese sono stanco, e forse si deve modificare di nuovo il fisico per ritornare “normale” per il lungometraggio successivo. Passare da un estremo all’altro ha un costo. Ho sicuramente delle articolazioni che non dovrebbero schioccare. E prendere in braccio i miei figli è diventato più difficile rispetto al passato.”

LASCIA UN COMMENTO